Pitrocchio on line

Un blog che parla di tutto e di niente, come se ce ne fosse davvero bisogno!

Panem et circenses: l’11 settembre

leave a comment »

Passata la sbornia da 11 settembre, con speciali tv e bacheche di Facebook affollate di Torri Gemelle e Salvador Alende, mi piacerebbe spendere due parole sull’eterna lotta tra verità e faziosità, tra bugia e verità, tra paradosso e ricostruzione, in poche parole: la teoria del complotto.

Devo dire che, se non fosse stato per il deputato Paolo Bernini del Movimento 5 Stelle, non mi sarei nemmeno fermato a riflettere sulle imperiture teorie complottistiche: grazie, Cittadino – anche a nome delle persone che tedierò con questo post. Il suo intervento alla Camera dei Deputati è ben riassunto dal sempre ottimo Mazzetta, a cui rimando per la disamina dell’intervento del Bernini e per una veloce storia e demolizione delle suddette teorie.

Le teorie del complotto, in realtà, fanno parte della nostra vita molto più di quanto ci appaia, almeno a una prima analisi. Penso ai tempi della scuola, in cui – da studenti – ci si lamentava del voto preso in un compito o a un’interrogazione perché l’insegnante “ce l’ha con me“. Complottismo: il professore mi punisce perché sono giovane, bello, ho l’acne, una maglia spiritosa o quella di un gruppo metal. Una cosa analoga succedeva giocando ai videogames (non so se si è capito ancora: sto invecchiando e non riesco più a tenermi al passo con consolle e giochi elettronici), quando – subendo un goal a Fifa 99 (l’ho già detto che sto invecchiando?) o perdendo una vita a uno sparattutto – esclamavo: “Lui [il computer, ndr] non mi vuol far vincere”.

La prima considireazione che mi viene da fare in proposito è che la teoria del complotto è utile a mascherare nostri errori, nostre mancanze. La colpa è sempre degli altri, io sono bravo e così via con motivazioni auto-rassicuranti.

C’è però un altro aspetto, più adatto – forse – a considerazioni complottistiche sugli attentati al Wtc del 2001: parlare di “inside job“, nel senso di «lavoro interno» degli americani per costruirsi un alibi per l’attacco all’Afghanistan e all’Iraq è un ridicolo e patetico tentativo di sviare l’attenzione, quasi un contro-complotto. Galleggiare sul ‘mistero‘, sul ‘detto-non-detto’ per far passare sottotraccia messaggi contro-informativi, non suffragati da prove, ma orecchiati qua e là e ‘copincollati’ da qualche sito web, è un sistema infallibile per schierarsi dalla parte della verità senza sporcarsi le mani per cercarla, la verità. Bernini presenta al Parlamento roba che gira su Internet da anni: e le prove di quel che dice? Qualche ipotesi razionalmente sostenibile? O i chip sottopelle ci hanno obnubilato la mente e allora sto parlando in nome di qualche multinazionale americana, magari dell’industria del porno?

In tanti fanno sfoggio di mistero, ma poi hanno tutti – come Bernini – la verità in tasca: possibile che la potenza militare maggiore del mondo complotti il più grande auto-attentato della storia dell’umanità e un parlamentare di ventisei anni da Cento in provincia di Ferrara scoperchi tutto e lo smascheri?

La teoria del complotto è buona per un intrattenimento ‘civile’: che ci importa della brutalità del consumismo, dell’avvelenamento del pianeta, delle storture anti-democratiche dell’Occidente, della povertà, dei crimini, delle mafie, del disagio sociale, dell’imperialismo economico (quello sì, purtroppo, vero) degli Stati Uniti. Tanto noi abbiamo il complotto e lo smascheriamo: così la nostra coscienza civile è salva.

E io posso tornare a condividere le foto dei gatti su Tumblr.

Annunci

Written by Pitrocchio

16 settembre 2013 a 16:31

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: