Pitrocchio on line

Un blog che parla di tutto e di niente, come se ce ne fosse davvero bisogno!

Animali veloci e bambini lenti

leave a comment »

Valide ragioni per ascoltare la musica dei perugini Fast Animals and Slow Kids

Non sono un tipo da recensioni, né posseggo l’eloquio evocativo di chi parla e giudica di musica. Mi garberebbe, come si dice a latitudini toscane, ma non mi riesce. E non sono nemmeno il tipo da elargire consigli (non richiesti) sull’ascolto musicale. I gusti so’ gusti e quello che piace a me non piace a te.

Però due parole per questi quattro scatenati perugini, tre dischi all’attivo e tanti concerti sparpagliati sul suolo italico, merita spenderle e – parere soggettivo – merita ascoltarle. Non necessariamente da me; anzi, forse vale direttamente la pena ascoltare la loro musica. Rock alternativo per orecchie in cerca di suggestioni provenienti ‘dal basso’, ovvero dalla cantina, luogo primordiale di produzione musicale alternative.

Noto il genere musicale dei Fask e accettato che i quattro sono bravi tanto sul palco quanto in sala d’incisione, alla domanda “perché ascoltarli”, risponderei in primo luogo: per sostenere la musica alternativa, i canali di inventiva culturale, musicale e linguistica che non passano attraverso il flusso mainstream. Non che ci sia qualcosa di male nel mainstream: se piace, va bene tutto. Ma il mainstream non è tutto, e fuori da esso c’è tanto di quel buono da scoprire che non farlo sarebbe uno spreco colossale. Non vale la pena perdere l’occasione di ascoltare buona musica o vivere un bel concerto solo perché non è passato da radio e canali tv tematici. Trovate una scusa migliore per non ascoltare musica alternativa.

Il loro ultimo disco si intitola Alaska, freddo nel titolo e bollente nelle casse. Intenso nei contenuti, i loro testi arrivano immediati, la loro musica appassiona. Dal vivo suona pure meglio, come da tradizione rock, con il cantante Aimone scatenato trascinatore del pubblico. Potenza vocale e sonora al servizio di testi che magari non sono una miniera di citazioni da social network, ma che sanno prendere e si lasciano urlare.

I Fask ci credono in quel che fanno, nella musica e nel darsi un’opportunità. Un bell’esempio: chissà, magari fra trent’anni li ricordermo così. Belli e arrabbiati.

Per cominciare con l’ascolto dei Fask, un umile consiglio: Come reagire al presente.

Annunci

Written by Pitrocchio

10 febbraio 2015 a 12:59

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: